michele cucuzza bianco e nero

Il decalogo del lasciarsi "bene"

21.07.2017 - 12:12

0

“Quando si esaurisce un amore, la stella che si spegne può generare un buio interiore tale da richiedere - per l’equilibrio psichico - un attento e responsabile lavoro di elaborazione personale e collettivo, per superare il lutto che ogni fine comporta”. Sarebbe bello se andasse sempre così.
Senza, soprattutto, rancori, ripicche, vendette.
In tempi di femminicidi e violenze dilaganti sulle donne arriva, in controtendenza, un prezioso decalogo del “lasciarsi bene”.
Lo ha compilato, con una serie di testimonianze a corredo, Maria Rita Parsi, psicoterapeuta, docente e componente del Comitato ONU per i diritti dell'infanzia (“Se non ti amo più” Mondadori).
Cominciamo dall'inizio: l'amore eterno non esiste? Ci dobbiamo arrendere dopo secoli di romanticismo?
“L’unico amore per sempre è l'esercizio dell’amare: l’amore può finire, finisce.
‘Per sempre’ sta a significare che l’amore ha una forza talmente grande, propulsiva, di tutela, di protezione, di arginamento dell'angoscia di morte che dobbiamo pensare che non si esaurirà mai: è la condizione neurochimica e neuropsichica che ci permette di sentirci protetti, originata dal contenimento che alla nascita abbiamo avuto dalla madre o da altre figure affettive di riferimento”.
Allora cosa rende così dolorosa la fine di un amore?
“La condizione di solitudine, di privazione che viviamo e che rimanda alle paure abbandoniche iniziali, all’angoscia di morte.
Quando una storia finisce, anche piccola, un amore per caso, per sbaglio, è comunque un trauma: si può riparare con la possibilità non solo di amare ancora, ma anche di capire perché è arrivato il momento in cui quella stella si è spenta”.
Da qui a dire che la rottura di un legame può diventare un risorsa ce ne corre davvero. O no?
“No, se riusciamo a conoscere come e perché abbiamo trasformato, fino a disperderlo, il patrimonio di speranza che l'amore contiene: cogliere il significato che ha per noi quel cambiamento voluto o subìto, vuol dire avere nelle mani il segreto dell’esistenza”.
E i figli? Soffrono senza colpa.
“Subendo i cambiamenti provano stress molto forti.
Ma se i genitori sanno dare l'esempio, lasciandosi senza scatenare guerre, senza distruggere la figura dell’ex partner, senza maledire l’amore finito, ma cercando di imparare dal negativo, facendone una lezione di vita, anche i figli imparano: la risorsa della trasformazione batte la paura, il tempo perduto, l’angoscia di morte.
Sì, si muore ma poi si risorge, sì le cose finiscono ma l’amore non muore mai”.
Di qui il decalogo, contenuto nel suo libro, del lasciarsi bene.
Con la sacrosanta attenzione da dedicare ai figli, ma non solo.
“La prima cosa è il non mancare di rispetto a se stessi mancando di rispetto al partner. Può essere stato deleterio, negativo ma lasciandolo in modo dignitoso, coraggioso, si dà un esempio formidabile ai figli.
Lasciarsi deve diventare un’arte: senza il ricatto dello stalkeraggio, dell’umiliazione, delle calunnie. E del denaro: tutti i giorni ho davanti casi di partner ricattati attraverso il denaro con i ‘ti punisco, ti penalizzo, mi faccio risarcire’.
Il rispetto, comunque siano andate le cose, salva dalla guerra dei Roses, che finisce sempre in un modo, male”.
Eppure la vendetta violenta può essere costantemente in agguato: “bisogna liberarsi dai sensi di colpa che costringono a subire la violenza.
Lavorare sull’autostima ci aiuta anche a incontrare persone che sanno cos'è il rispetto. Pure quando vivono l’angoscia dell’essere abbandonati”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Migranti, la testimonianza dei medici a bordo della Dattilo

Valencia, (askanews) - Un viaggio lungo e faticoso, che ha permesso di condividere tanti momenti e le storie dei migranti. Parlano la dottoressa e l'infermiera dell'Ordine di Malta che erano a bordo della nave Dattilo, giunta a Valencia con 274 migranti a bordo. "La nostra esperienza a bordo di nave Dattilo si conclude oggi. Siamo arrivati al porto di Valencia. Questi giorni abbiamo collaborato ...

 
Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia accoglie Aquarius, "Benvenuti a casa vostra"

Valencia, (askanews) - La mattina, a Valencia, inizia quando ancora il sole non è sorto. Gli oltre seicento giornalisti e operatori della comunicazione arrivano al porto, al molo 1, che è ancora buio. Sono da poco passate le sei del mattino quando all'orizzonte, vicino al porto, compare la nave Dattilo della Guardia costiera. A bordo ci sono 274 migranti. È la prima delle tre navi che ospitano in ...

 
Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Migranti, arrivata a Valencia anche la terza nave

Valencia, (Askanews) - E' arrivata al porto di Valencia anche la terza e ultima nave che ha trasportato più di 240 migranti. Dopo l'unità della Guardia Costiera Dattilo e la Aquarius della Ong Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere, intorno alle 13 è approdata al molo 1 del porto di Valencia la nave Orione della Marina Militare. Completate dunque le operazioni di sbarco: i 630 migranti stanno ...

 
Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Aquarius, Sos Mediterranee: canti e balli all'arrivo a Valencia

Valencia, (askanews) - "Sollievo e felicità a bordo della nave #Aquarius appena vediamo le coste spagnole. Ci separano 4 miglia dal porto di #Valencia. La fine di un'Odissea lunga ed estenuante è vicina". Questo il tweet, accompagnato dal video, postato da Sos Mediterranee dalla nave Aquarius poco prima dell'arrivo a Valencia.

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018