Rieti

Indagine sul 118, al setaccio
i 17 computer sequestrati

02.11.2014 - 14:31

0

Una pen drive usb che prima è finita nelle mani di un sindacalista romano poi ai carabinieri. Ruota tutta intorno ai file contenuti in quel supporto e in quelli estrapolati da 17 personal computer sequestrati dai carabinieri, indagine sugli affidamenti dell’Ares 118 di Rieti.
Gli indagati Sono sette, come noto, gli iscritti nel registro degli indagati nell’inchiesta che per adesso è guidata dal Procuratore Capo di Rieti, Giuseppe Saieva. Per adesso l’ipotesi di reato per tutti è tentata concussione, ma l’indagine è ancora all’inizio e bisognerà aspettare gli interrogatori e soprattutto le perizie per capire cosa sarà contestato e a chi.
La denuncia Tutto è nato dopo che un sindacalista romano della Cgil ha raccolto la denuncia da un imprenditore reatino del settore del soccorso che gli ha consegnato appunto la pennetta usb dove ci sarebbero diversi file audio di colloqui registrati dall’imprenditore con diversi impiegati dell’Ares. Dialoghi in cui all’imprenditore verrebbero chiesti dei “piccoli favori” per avere gli appalti. Materiale che il sindacalista poi ha consegnato ai carabinieri di Roma quando ha presentato la denuncia. Nell’esposto poi si denuncerebbero anche anomalie negli affidamenti a società dove fugurerebbero persone vicine a dipendenti dell’Ares 118. Tutto materiale che insomma ha fatto partire l’indagine.
Le perizie Oltre alla montagna di documentazione sequestrata dai carabinieri del Comando di Rieti durante il blitz nella sede di via Salaria, ci sono appunto la pennetta usb e i computer sequestrati. Sulla pennetta usb sono in corso gli accertamenti del reparto scientifico dei carabinieri di Roma per valutarne la conformità informatica. Insomma, per valutare se ci sono manomissioni. Stessa cosa sugli hard disk dei computer sequestrati durante il blitz negli uffici. Nel frattempo i carabinieri di Rieti stanno facendo una prima trascrizione del contenuto dei file audio contenuti all’interno della pennetta, mentre continuano gli interrogatori.
La difesa Ma la vera partita si giocherà nei prossimi giorni quando entro dovrebbe svolgersi la perizia, alla presenza di tutte le parti, sulla pennetta e sui computer sia per valutarne la conformità informatica, sia per la trascrizione dei contenuti. “Si tratta di un passaggio fondamentale - spiega l’avvocato Pietro Carotti che difende 5 dei 7 indaga - per capire la reale portata delle accuse mosse, infatti finora ci si è mossi, sostanzialmente, solo su quanto riferito da coloro che hanno presentato la denuncia. Adesso bisognerà capire e contestualizzare i dialoghi contenuti. Per adesso ci sono solo delle iscrizioni nel registro degli indagati con un’ipitesi di reato generica per tutti. Con le perizie si farà un passo in avanti”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Bankitalia, Gentiloni: rapporti con il Pd sono ottimi

Bankitalia, Gentiloni: rapporti con il Pd sono ottimi

Roma (askanews) - "I rapporti tra il governo e il Pd, di cui mi onoro di far parte, sono fondamentali e ottimi in generale. Dopodi chè noi decidiamo avendo quell'obiettivo lì", ovvero l'autonomia della Banca d'Italia: quella sui vertici "non è decisione di buona creanza, è una decisione rilevante". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, chiamato da un'ulteriore domanda a tornare sulla questione ...

 
Premier spagnolo Rajoy: in Catalogna arrivati a situazione limite

Premier spagnolo Rajoy: in Catalogna arrivati a situazione limite

Bruxelles, (askanews) - Dopo che il presidente catalano Carles Puigdemont non ha ritirato la dichiarazione d'indipendenza entro la scadenza prevista giovedì (19 ottobre), il governo conservatore spagnolo si prepara a commissariare la Catalogna. In una conferenza stampa al termine dei lavori del consiglio europeo a Bruxelles, il primo ministro di Spagna Mariano Rajoy ha affermato che in Catalogna ...

 
Lancet: nel 2015 l'inquinamento ha causato 9 milioni di morti

Lancet: nel 2015 l'inquinamento ha causato 9 milioni di morti

Roma, (askanews) - L'inquinamento è stato collegato a 9 milioni di morti in tutto il mondo nel 2015, secondo un report pubblicato da Lancet. La maggior parte dei decessi è avvenuta in Paesi a basso o medio reddito dove l'inquinamento è ritenuto responsabile di un quarto di tutti i decessi. Il Bangladesh e la Somalia sono i due Paesi più colpiti. Il Brunei e la Svezia, invece, hanno registrato il ...

 
Gentiloni: sforzo italiano in Libia non può durare, serve Ue

Gentiloni: sforzo italiano in Libia non può durare, serve Ue

Burxelles (askanews) - Il contrasto ai trafficanti di essere umani nel Mediterraneo mostra "una situazione molto incoraggiante dal punto di vista dei risultati ma fragile e per nulla garantita". Per questo "c'è bisogno del sostegno politico perchè l'Italia non può fare a lungo questo sforzo in Libia soltanto come tricolore, ma deve farlo nell'ambito di operazioni che siano sempre più ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

RIETI

L’esibizione del R.J.O. Combo apre la stagione concertistica al Flavio

Si apre domenica 22 ottobre, alle 17, nel foyer del teatro Flavio Vespasiano, la nuova stagione concertistica. Gli eventi in programma, che saranno presentati nel loro ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017