La Loggia massonica Grande Oriente d'Italia apre una sede a Rieti

RIETI

La Loggia massonica Grande Oriente d'Italia apre una sede a Rieti

08.01.2016 - 15:35

0

Dal 17 gennaio la Massoneria del Grande Oriente d’Italia avrà di nuovo una sede a Rieti dopo ben novant’anni di assenza. Sarà nel cuore del centro storico della città in via del Porto. All’inaugurazione sarà presente il Gran Maestro Stefano Bisi.

Il 13 settembre 1924 la furia squadrista distrusse a Rieti i locali della Loggia Sabina-Ludovico Petrini, erede dello storico sodalizio massonico nato all’indomani dell’Unità. Dopo quella data, il Grande Oriente d’Italia non ebbe più una sede in città nonostante il prestigio di fatti e personaggi di storia massonica e del nostro paese che caratterizzano questa terra.

Con l’inaugurazione di una casa massonica a Rieti, il Grande Oriente d’Italia recupera gli ultimi novant’anni per ridare lustro alla Massoneria reatina. Sarà presente alla cerimonia il Gran Maestro Stefano Bisi. Il Gran Maestro inaugurerà anche la biblioteca allestita nei locali che potrà essere accessibile a tutti. 

LA SEDE La sede di Via del Porto, al civico numero 1, è vicinissima a quella antica devastata dagli squadristi. Ha una superficie di 150mq e dispone anche di una sala conferenze – agibile dall’ingresso – che è già operativa grazie all’Università Popolare Sabina Eretum che organizza incontri aperti alla cittadinanza, in particolare agli studenti. La biblioteca dispone di un ricco catalogo di volumi di letteratura, storia, filosofia, matematica e fisica, religione e, naturalmente, di esoterismo e massoneria. Un fondo è dedicato al Fratello Francesco Albanese, scomparso nel 2008, con una collezione di volumi specialistici donata da lui e dalla sua famiglia ai massoni reatini. Cuore della sede è il tempio massonico che ospiterà i lavori rituali: è di circa 60mq e dispone di 50 posti. La tornata rituale del 17 gennaio sarà un banco di prova in termini di capienza in virtù delle numerose presenze annunciate in rappresentanza anche di logge capitoline del Grande Oriente.

LA STORIA. Prima di vedere un Gran Maestro a Rieti dobbiamo andare molto indietro nel tempo e precisamente al 19 luglio 1923 quando Domizio Torrigiani, all’epoca alla guida del Grande Oriente, visitò, insieme ad alti dignitari, i massoni locali e per l’occasione gli fu offerto un rinfresco nel Circolo cittadino. All’epoca era attiva la Loggia Sabina-Lodovico Petrini fondata nel 1909 ed erede dell’antica Loggia Sabina costituita nel 1863 e rimasta in vita fino alla fine del 1867. Dell’attività massonica nel periodo post-unitario rimangono le carte conservate nell’Archivio di Stato di Rieti che nel 2011, per le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, allestì una mostra storico-documentaria su Massoneria e Risorgimento a Rieti. All’atto della sua ricostituzione, ai primi del Novecento, la loggia reatina modificò la denominazione aggiungendo il nome di Lodovico Petrini, fondatore della ‘Sabina’ – di cui fu maestro venerabile – e sindaco di Rieti negli anni ’70 dell’Ottocento.

LA LOGGIA SABINA-LODOVICO PETRINI La Loggia “Sabina-Lodovico Petrini” così rinata era guidata dal conte Tito Leoni, altro personaggio di spicco della vita cittadina. Ma come accennato, le attività massoniche a Rieti si interruppero bruscamente nel settembre del 1924 a causa della violenza fascista. Era ormai partita la campagna antidemocratica che preannunciava la perdita delle libertà. L’anno successivo, infatti, il governo mise fuori legge tutte le associazioni non conformi al regime mussoliniano e il Grande Oriente d’Italia, per evitare ripercussioni, sospese le attività. In realtà a vuoto: il Gran Maestro Domizio Torrigiani, nel 1923 accolto a Rieti, fu condannato al confino (morì nel 1932), il Grande Oriente d’Italia trasmigrò in Francia, Palazzo Giustiniani, sede nazionale della Massoneria italiana, fu confiscato, i massoni perseguitati e talvolta uccisi.

NAZARENO STRAMPELLI La Ricostruzione non favorì lo sviluppo della Massoneria reatina e dobbiamo attendere i giorni nostri per avere nuove testimonianze. Nel giugno 2005 ha ripreso vita la Loggia Sabina-Lodovico Petrini (con sede a Labro) e nel maggio 2014 è nata la “Nazareno Strampelli” a cui si deve l’iniziativa della nuova sede massonica a Rieti con il suo maestro venerabile Alberto Di Giancarlo. È importante ricordare che questa loggia è dedicata al celebre agronomo-genetista, massone a Terni, che a Rieti avviò la ‘rivoluzione verde’ che sconfisse la fame. Strampelli fu uno dei primi agronomi al mondo ad applicare le leggi sull’ereditarietà al miglioramento genetico del grano del quale, fra anni Venti e Trenta, riuscì a raddoppiare la produzione. Anche l’Expò 2015 lo ha celebrato e una loggia a Rieti che porta il suo nome, in omaggio alla sua appartenenza storica al Grande Oriente d’Italia, non può che perpetuare il suo valore e dare lustro alla casa massonica reatina che debutta con i migliori auspici del nuovo anno.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Dieci anni di ricerca: Modena celebra Adelita Husni-Bey

Dieci anni di ricerca: Modena celebra Adelita Husni-Bey

Modena (askanews) - Una mostra personale ad ampio raggio su una delle giovani artiste italiane più apprezzate. La Galleria Civica di Modena, nella sede della Palazzina dei Giardini, offre uno spazio di riflessione sul lavoro di Adelita Husni-Bey, già tra i protagonisti del Padiglione Italia all'ultima Biennale d'arte di Venezia. La co-curatrice della mostra modenese, Serena Goldoni, ha presentato ...

 
Ritornano alla luce l'Archivio e il Sepolcreto della Ca' Granda

Ritornano alla luce l'Archivio e il Sepolcreto della Ca' Granda

Milano (askanews) - Due luoghi storici di Milano tornano ad aprirsi al pubblico: il gruppo MilanoCard ha infatti promosso il recupero dell'Archivio storico e del Sepolcreto della Ca' Granda a Milano, il primo ospedale pubblico d'Europa che per secoli è stato ospitato nei palazzi che oggi associamo all'Università degli Studi del capoluogo lombardo. Edoardo Scarpellini, amministratore delegato di ...

 
Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Bambini migranti: la giornalista scoppia in lacrime in diretta tv

Milano (askanews) - Rachel Maddow non ha retto all'emozione e si è messa a piangere in diretta tv. La popolare presentatrice americana della Msnbc è scoppiata in lacrime, incapace di portare avanti la trasmissione, durante la lettura delle notizia dei bambini separati dai genitori migranti al confine tra Messico e Stati Uniti. Il video è diventato virale in poche ore.

 
Economia

Borsa, Milano rifiata

La Borse europee rifiatano dopo il tonfo di ieri. Si fermano le vendite sui listini, dopo la reazione ai rapporti sempre più tesi tra Cina e Stati Uniti, e Milano segna +0,16%. Positive anche Londra, Madrid e Francoforte. Sul paniere di Piazza Affari, Ferragamo lascia sul terreno quasi il 9 per cento dopo che la holding di famiglia ha collocato sul mercato un pacchetto azionario. Sono di nuovo in ...

 
Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018

teatro da mangiare

CITTAREALE

Va in scena "Teatro da mangiare?"

Dopo la magia del circo di Nicole & Martin andata in scena lo scorso aprile ad Amatrice, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, questa ...

08.06.2018