Per i cacciatori non è reato sconfinare involontariamente in un'area protetta

Orvinio

Per i cacciatori non è reato sconfinare involontariamente in un'area protetta

10.10.2014 - 12:56

0

Importanti novità per i cacciatori dopo la sentenza numero 165 del 2014 del Tribunale di Rieti. Ovvero: la nuova e preziosa cartina tornasole per i cacciatori della provincia di Rieti, ma non solo. Infatti, con la sentenza registrata presso la cancelleria del Tribunale di Rieti col numero 165 è stato compiuto “un passo storico” per la giurisprudenza reatina, come pure per quella italiana, nell'ambito della materia venatoria, segnando un precedente che, di sicuro, inciderà sul destino dei cacciatori. Cacciatori a cui, proprio grazie a tale pronunciamento, “viene offerta la possibilità, addentrandosi involontariamente in aree regionali protette, di non essere destinatari delle previste sanzioni penali”. Ciò poiché, come ha raccontato in dettaglio l’avvocato Rosario Tripodi, uno dei protagonisti della sentenza, essendo difensore dell’imputato convocato dinanzi al giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Rieti per il reato “d’esercizio d’attività venatoria in un’area preclusa, in quanto parco naturale”, vi è stato un giudizio d’assoluzione.
Per la precisione, la dottoressa Francesca Ciranna, chiamata a decidere in merito a una denuncia pendente su di un cacciatore residente ad Orvinio, sorpreso all’interno del Parco regionale dei monti Lucretili in abbigliamento da caccia e con un fucile privo di fodero”, ha disposto la non colpevolezza dello stesso “non essendovi prova certa della sussistenza dell’elemento soggettivo del reato”.
Conclusione a cui il giudice, dopo aver ponderato le specifiche disposizioni normative esistenti in materia (art.21 legge sulla caccia, art.9 L.157/92 e art.3 L.41/89, istitutiva del parco dei Monti Lucretili), come pure le testimonianze raccolte, è giunto in quanto: “Anzitutto non è emersa la certezza assoluta che i confini del parco fossero totalmente perimetrali e tabellati; ed inoltre non può escludersi che l’imputato non si sia reso conto di aver sconfinato i confini dell’azienda faunistica, e sia entrato nel parco pensando fosse territorio libero”. Pertanto, a partire dalla sentenza 165, qualora, da parte di un cacciatore, vi sia uno “sconfinamento involontario e non consapevole” all'interno di un’area vietata, però non ben segnalata, tale fatto “non costituirà reato”; musica per le orecchie dei cacciatori.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Lello Arena: con "Finalmente Sposi" si ride ma si riflette anche

Lello Arena: con "Finalmente Sposi" si ride ma si riflette anche

Roma, (askanews) - Lello Arena parla del suo nuovo film da regista "Finalmente Sposi", nelle sale dal 25 gennaio, con la coppia comica di "Made in Sud" Monica Lima ed Enzo Iuppariello, gli Arteteca. Una commedia dove si ride, ma non solo, spiega il comico in un'intervista ad askanews. "Nel film trattiamo anche argomenti seri. Si può anche ridere e ridere molto, ma andare via con un pensiero... ...

 
Elezioni, Gentiloni: conti in ordine, non dilapidiamo i risultati

Elezioni, Gentiloni: conti in ordine, non dilapidiamo i risultati

Roma (askanews) - "Siamo finalmente fuori dalla crisi economica più grave dal dopoguerra, abbiamo un buon livello di crescita, stabile, e livelli occupazionali più alti da quando si fanno statistiche, anche se si può fare di più, soprattutto per i giovani, abbiamo ridotto il nostro deficit, abbiamo i conti non in ordine ma molto in ordine, il deficit era al 3% e nell'anno che si è appena concluso ...

 
Francia, prigioni bloccate dagli scioperi per il quarto giorno

Francia, prigioni bloccate dagli scioperi per il quarto giorno

Strasburgo, (askanews) - Blocco delle prigioni in Francia, dove il personale carcerario è al quarto giorno di mobilitazione per chiedere condizioni di lavoro migliori, più igiene e soprattutto più sicurezza, dopo numerose aggressioni. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il ferimento con coltello di tre sorveglianti da parte di un detenuto jihadista nella prigione di Vendin-le-Vieil, ...

 
Luiss, Severino agli studenti: impegno e merito premiano sempre

Luiss, Severino agli studenti: impegno e merito premiano sempre

Roma, (askanews) - Il rettore della Luiss, Paola Severino, in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Ateneo, ha ricordato agli studenti che impegno e merito premiano sempre. "E' proprio a loro che rivolgo il mio invito a non stancarsi mai d'impegnarsi a massimizzare il proprio percorso di studi mettendo a pieno frutto le opportunità a loro offerte, esigendo da sè stessi sempre di ...

 
Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

RIETI

Alla Sala dei Cordari lo spettacolo "Pinocchio, un burattino contro il bullismo"

Arriva a Rieti, presso Sala dei Cordari, il Teatro Umbro dei Burattini con lo spettacolo "Pinocchio, Le Avventure di un sognatore" (Sabato 20 gennaio, Sala dei Cordari ore 15....

18.01.2018

Al teatro Flavio Vespasiano "Il berretto a sonagli" di Pirandello

RIETI

Al teatro Flavio Vespasiano "Il berretto a sonagli" di Pirandello

Matinée per le scuole e spettacolo serale per uno dei capolavori di Luigi Pirandello, “Il berretto a sonagli”, commedia, quella che andrà in scena al Flavio Vespasiano, ...

17.01.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018