Per i cacciatori non è reato sconfinare involontariamente in un'area protetta

Orvinio

Per i cacciatori non è reato sconfinare involontariamente in un'area protetta

10.10.2014 - 12:56

0

Importanti novità per i cacciatori dopo la sentenza numero 165 del 2014 del Tribunale di Rieti. Ovvero: la nuova e preziosa cartina tornasole per i cacciatori della provincia di Rieti, ma non solo. Infatti, con la sentenza registrata presso la cancelleria del Tribunale di Rieti col numero 165 è stato compiuto “un passo storico” per la giurisprudenza reatina, come pure per quella italiana, nell'ambito della materia venatoria, segnando un precedente che, di sicuro, inciderà sul destino dei cacciatori. Cacciatori a cui, proprio grazie a tale pronunciamento, “viene offerta la possibilità, addentrandosi involontariamente in aree regionali protette, di non essere destinatari delle previste sanzioni penali”. Ciò poiché, come ha raccontato in dettaglio l’avvocato Rosario Tripodi, uno dei protagonisti della sentenza, essendo difensore dell’imputato convocato dinanzi al giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Rieti per il reato “d’esercizio d’attività venatoria in un’area preclusa, in quanto parco naturale”, vi è stato un giudizio d’assoluzione.
Per la precisione, la dottoressa Francesca Ciranna, chiamata a decidere in merito a una denuncia pendente su di un cacciatore residente ad Orvinio, sorpreso all’interno del Parco regionale dei monti Lucretili in abbigliamento da caccia e con un fucile privo di fodero”, ha disposto la non colpevolezza dello stesso “non essendovi prova certa della sussistenza dell’elemento soggettivo del reato”.
Conclusione a cui il giudice, dopo aver ponderato le specifiche disposizioni normative esistenti in materia (art.21 legge sulla caccia, art.9 L.157/92 e art.3 L.41/89, istitutiva del parco dei Monti Lucretili), come pure le testimonianze raccolte, è giunto in quanto: “Anzitutto non è emersa la certezza assoluta che i confini del parco fossero totalmente perimetrali e tabellati; ed inoltre non può escludersi che l’imputato non si sia reso conto di aver sconfinato i confini dell’azienda faunistica, e sia entrato nel parco pensando fosse territorio libero”. Pertanto, a partire dalla sentenza 165, qualora, da parte di un cacciatore, vi sia uno “sconfinamento involontario e non consapevole” all'interno di un’area vietata, però non ben segnalata, tale fatto “non costituirà reato”; musica per le orecchie dei cacciatori.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Altro

Borse positive, corre Bper ma frena Fca

Le Borse europee chiudono in rialzo. Riflettori puntati sulla riunione dei Paesi Opec: è stato deciso all'unanimità un aumento della produzione fino a un milione di barili al giorno. A fine seduta a Milano guadagna lo 0,99%, spread in calo. Maglia rosa per Londra +1,67%, positive le piazze di Parigi +1,34% e Francoforte +0,54%. A Piazza Affari corre Bper +7,36% dopo che il gruppo Unipol ha ...

 
Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Lincei: giovani e relazioni internazionali tra priorità Accademia

Roma, (askanews) - Si è chiuso oggi a Palazzo Corsini, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella, il 415esimo Anno Accademico dei Lincei, la più antica Accademia del mondo. L'Adunanza solenne si è aperta con la relazione del presidente Alberto Quadrio Curzio sull'attività svolta nell'Anno Accademico 2017-2018 e nel triennio 2015-2018 che lo ha visto alla guida della prestigiosa ...

 
teatro flavio vespasiano

RIETI

Al teatro in scena i celebri "Carmina Burana"

Sabato 23 giugno, alle 18, al teatro Flavio Vespasiano, sono in programma i celebri "Carmina Burana" di Carl Orff, versione per soli, coro, due pianoforti e percussioni ...

22.06.2018

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

RIETI

Concerto di musica barocca nella chiesa di San Rufo

Giovedì 21 giugno alle ore 19.00 presso la Chiesa di San Rufo a Rieti,  concerto di Musica barocca, in occasione della Festa Europea della Musica, con Sandro Sacco al Flauto ...

17.06.2018

Emozioni nel cuore dell'Italia con Lino Guanciale e Davide Cavuti

CITTAREALE

Emozioni dai luoghi colpiti dal sisma con Lino Guanciale e Davide Cavuti

Dopo la convivialità del Teatro delle Ariette andata in scena lo scorso 8 giugno, continua l’impegno del Teatro di Roma nei luoghi colpiti dal sisma con I SOGNATORI HANNO I ...

14.06.2018